NITRANT 2014

Progetto Nitrant - Antenna Nitrati...

Read More

FLOROBASCO

Filiere alternative nel florovivaismo per ridurre gli inquinanti e produrre energia...

Read More

REDAFI

Aree Forestali di infiltrazione e riduzione di azoto da digestati....

Read More

FATA

Fitodepurazione delle acque per il trattamento dell'Azoto....

Read More

BIOFITO

Trattamento integrato di reflui zootecnici per la riduzione dei nutrienti....

Read More

Le novità per gli impianti biogas introdotti dalla Legge di Bilancio 2020

Scritto da Donatella Banzato.

Per molti degli impianti di digestione anaerobica in funzione, nel nostro Paese, si avvicina il termine degli incentivi previsti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. I 15 anni di incentivazione, per quegli impianti avviati prima del 31 dicembre 2007, stanno infatti per scadere.

Un emendamento alla Manovra 2020 approvato in commissione Bilancio al Senato sull’economia circolare, da la possibilità di proseguire con la produzione di energia elettrica, per chi non ha scelto la strada alternativa della produzione di biometano.

La legge di Bilancio 2020, prevede il diritto di continuare ad usufruire per un massimo di altri 15 anni, di incentivi che verranno erogati a condizione che non godano di altri incentivi pubblici sulla produzione di energia, la cui produzione di energia elettrica risponda ai criteri di sostenibilità di cui alla direttiva (UE) 2018/ 2001 del Parlamento europeo e del Consiglio (11 dicembre 2018), con l’obbligo di utilizzo di almeno il 40 per cento in peso di effluenti zootecnici, e che riconvertano la loro produzione giornaliera, secondo un nuovo regime programmabile, alle condizioni definite annualmente da Terna Spa a partire dal 30 giugno 2020”. Sarà quindi necessario, per quelle aziende che non allevano capi in stalla, valutare dove reperire i reflui per poter continuare ad usufruire degli incentivi.

L’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (Arera) andrà a definire risorse e coperture, mentre le modalità di attuazione saranno individuate dai ministeri dello Sviluppo, delle Politiche agricole e dell’Ambiente. In ogni caso, l’ultimo via libera agli incentivi spetterà alla Commissione europea.

L’emendamento relativo agli impianti di biogas prevede inoltre che entro giugno saranno pubblicati i bandi per l’ammissione agli incentivi di nuovi impianti, di potenza elettrica non superiore a 300 KW, per un contingente di potenza di iscrizione al registro di 25 MW all’anno.