Processi di riferimento

Tipi di processo
Tecnologia - categoria
Tecnologia - sottocategoria
[Processi
fisici] Processi che si basano su meccanismi di azione di tipo fisico a carico delle matrici trattate.
[Separazione S/L] Trattamento a carico di liquami zootecnici tal quali o di digestato. Nel secondo caso il trattamento avviene prevalentemente dopo la fase di digestione anerobica “tradizionale”.
Sedimentazione/Flottazione
Filtropressatura
[Estrusione] Trattamento a carico dei reflui zootecnici o del digestato per predisporre il materiale ad una successiva digestione anaerobica “tradizionale”, essicazione, combustione, altro processo termico.
[Filtrazione a membrane] Trattamento a carico della frazione liquida del digestato ottenuta previo processo spinto di separazione solido/liquido.
Microfiltrazione
Nanofiltrazione
Elettrodialisi
[Trattamento con onde elettromagnetiche] Trattamenti finalizzati alla sanitizzazione e pastorizzazione, attualmente diffusi in altri settori quali ad es. potabilizzazione delle acque, industria alimentare,etc.
UV
[Processi
fisico-termici] Processi che si basano su meccanismi di azione di tipo fisico indotti dalla somministrazione di energia termica a carico delle matrici trattate.
[Evaporazione sotto vuoto] Trattamento a carico della frazione liquida del digestato (ottenuta previo processo spinto di separazione solido/liquido) che si realizza somministrando energia termica, in opportune condizioni di pressione.
[Strippaggio] Trattamento a carico del digestato e della frazione liquida del digestato (ottenuta previo processo spinto di separazione solido-/iquido) basato sulla somministrazione di energia termica (eventualmente in combinazione con opportune modificazioni del pH e/o applicazioni di flussi d’aria).
[Disidratazione/essicazione]
Trattamento a carico delle deiezioni ad alto contenuto in sostanza secca (es. deiezioni avicole), del digestato tal quale ovvero sottoposto a estrusione o a carico della fase solida del digestato previa separazione S/L. Si basa sulla somministrazione di energia termica per la riduzione/rimozione del contenuto in acqua della matrice trattata.
[Combustione] Trattamento a carico delle deiezioni ad alto contenuto in sostanza secca (es. deiezioni avicole), del digestato tal quale o della sua fase solida precedentemente sottoposti a trattamenti di disidratazione/essicazione. Si basa sulla somministrazione di energia termica fornendo una quantità di ossigeno in eccesso o esattamente pari alla matrice trattata.
 
Pirolisi/gassificazione
 
[Processi
chimico-fisici] Processi che si basano sulla combinazione di meccanismi di azione di tipo fisico e chimico a carico delle matrici trattate.
[Cristallizzazione di sali di NH4+] Trattamenti a carico di liquami zootecnici e digestato, tal quali o in fase liquida previa separazione S/L, basati sulla variazione di pH della matrice e conseguente cristallizzazione e precipitazione controllata di sali contenenti azoto e/o fosforo.
[Scambio ionico] Trattamento di finissaggio con resine a scambio ionico aventi la capacità di fissare determinati ioni presenti in soluzione, tra cui i nitrati. E’ un trattamento comunemente adottato nelle fasi terminali dei processi di depurazione delle acque reflue ovvero come trattamento nel settore della potabilizzazione delle acque.
Adsorbimento su zeoliti
[Trattamenti con ozono (O3)] Trattamento, finalizzato alla disinfezione, ottenuto grazie alla forte capacità ossidante della molecola di ozono, attualmente diffuso in altri settori tra cui potabilizzazione delle acque, trattamento di finissaggio nella depurazione, disidratazione di fanghi di supero.
 
[Catalisi fotochimica (foto-ossidazione)] Trattamento potenzialmente applicabile alla frazione liquida dei liquami zootecnici e/o del digestato basata sull’attivazione di catalizzatori metallici (es. biossido di titanio, TiO2) con opportune radiazioni luminose. Gli ambiti attuali di applicazione riguardano la potabilizzazione delle acque, riduzione dell’inquinamento atmosferico da ossidi di azoto.
 
[Processi
biologici] Processi che si basano sull’attività di microorganismi (in eventuale associazione con specie vegetali) in grado di trasformare molecole organiche più complesse presenti nelle matrici trattate in molecole più semplici.
[Digestione anaerobica]
Trattamento a carico di diversi substrati organici (inclusi i reflui zootecnici) che si basa su reazioni biochimiche condotte da specifici batteri in condizioni di assenza di ossigeno (anaerobiosi).
[Fitodepurazione] Trattamento a carico della frazione liquida dei liquami zootecnici e/o del digestato previa separazione S/L spinta e altri pretrattamenti atti a ridurre l’azoto, che consente la rimozione dei nutrienti attraverso l’azione dei microorganismi e delle specie vegetali.
[Compostaggio] Trattamento a carico della frazione solida dei reflui zootecnici e/o del digestato previa separazione S/L. Si basa sull’azione di microorganismi operanti in presenza di ossigeno e su un substrato caratterizzato da un contenuto di sostanza secca non superiore al 40% e da rapporto un carbonio/azoto tra 20 e 40.
[Nitrificazione/denitrificazione] Trattamento di rimozione biologica dell’azoto effettuato ad opera di batteri nitrificatori e denitrificatori, rispettivamente in presenza ed in assenza di ossigeno con liberazione in atmosfera di azoto molecolare (N2). Tale trattamento avviene a carico della frazione liquida dei liquami zootecnici e/o del digestato previa separazione S/L.
Letti granulari aerobi
[Deammonificazione] Trattamento di rimozione biologica dell’azoto.
[Miscele batteriche/enzimatiche] Trattamento a carico del reflui zootecnici o del digestato, tal quali o previa separazione S/L. Si basa sull’azione di Si basa sull’azione di microorganismi di vario tipo (aerobi, anaerobi, miscele aerobi/anaerobi), in eventuale combinazione con enzimi, in grado di agire con svariati meccanismi di azione sull’azoto presente in diverse forme.

* = tecnologia monitorata

[scarica la pagina in formato .pdf]