Vasche vegetate

Descrizione tecnologia:
I sistemi di fitodepurazione in vasche sono sostanzialmente riconducibili a quattro tipologie: a flusso superficiale; flottante; a flusso sommerso orizzontale e a flusso sommerso verticale. Il primo è costituito da bacini vegetati con fondo poco permeabile all’interno dei quali l’acqua reflua viene fatta fluire lentamente per subire il trattamento depurazione. I sistemi flottanti fanno ricorso a supporti galleggianti sui quali vengono poste le piante palustri che svolgono l’azione di filtro, a livello di apparato radicale, all’interno dei corsi d’acqua o in vasche opportunamente installate. Gli impianti a flusso sommerso sono vasche di solito rettangolari impermeabilizzate riempite di un substrato poroso e permeabile (ghiaia, sabbia o altro materiale) su cui viene insediata la vegetazione. Il refluo può essere immesso nella parte alta di un lato della vasca e scaricato all’estremità opposta (flusso orizzontale), oppure distribuito su tutta la superficie della vasca e raccolto dal fondo della stessa (flusso verticale).
È possibile anche realizzare impianti che prevedono combinazioni fra i diversi sistemi per magnificarne le prestazioni.
Nell’ambito del Progetto sono monitorate due linee di trattamento di fitodepurazione per l’abbattimento dell’azoto nella parte fluida di reflui zootecnici: il sistema ibrido di fitodepurazione e il vassoio evaporante a scarico zero. Il sistema ibrido di fitodepurazione (SIF), è costituito da tre vasche a flusso verticale operanti in parallelo seguite da vasca a flusso orizzontale e da tre vasche a flusso superficiale dotate di sistemi flottanti per l’utilizzo di vegetazione macrofita. Il vassoio evaporante a scarico zero (VE0) è costituito da sei vasche chiuse all’interno delle quali vengono fatte crescere piante arboree alimentate con una quantità di effluente tale da compensare le perdite di acqua per evaporazione.

Attuali ambiti di applicazione:
Tecnica consolidata dal punto di vista del processo nel settore civile, è utilizzata in altri settori (es. industria alimentare) per il trattamento di finissaggio a valle di un trattamento primario. Gli impianti di fitodepurazione vengono impiegati, inoltre, per la riqualificazione ambientali in parchi, riserve, corsi d’acqua, etc.

Grado di sviluppo nel settore zootecnico:
In ambito internazionale esistono numerosi impianti operativi per la depurazione di reflui prodotti da bovini da latte e da suini. Nel contesto italiano, invece, sono stati realizzati solo alcuni impianti pilota per il trattamento dei liquami zootecnici.

Effetti del trattamento:
La “rimozione” dei nitrati avviene grazie all’assorbimento diretto da parte delle piante e alla degradazione operata dai microrganismi con trasformazione in azoto gassoso (denitrificazione). Per la frazione di azoto assorbita dalla vegetazione per essere effettivamente rimossa, si deve prevedere il trasporto al di fuori dell’azienda del materiale sfalciato periodicamente. La denitrificazione è il meccanismo prevalente di scomparsa dei nitrati e prende atto anche nel corso dei mesi invernali, quando la vegetazione è in riposo vegetativo.

Matrici trattate:
La fitodepurazione deve ricevere un refluo pretrattato, ovvero chiarificato, ottenuto attraverso la separazione della parte solida da quella liquida, che poi viene immessa nell’impianto. Le matrice sottoposte a fitodepurazione oggetto di studio nell’ambito del Progetto sono i reflui zootecnici sottoposti a preventivo trattamento di separazione S/L spinta (per aumentarne le efficienze di separazione). Da tale separazione si ottiene una frazione liquida sottoposta a trattamento biologico di depurazione e quindi immessa nel sistema di fitodepurazione.

Posizione nella linea di trattamento:
affinché il processo di fitodepurazione risulti efficace, il liquame deve subire preliminarmente un processo di separazione e sedimentazione.
Nell’ambito del Progetto il processo di fitodepurazione per mezzo di vasche vegetate si trova all’interno della seguente linea di trattamento:
Liquame suino--> Denitrificazione/Nitrificazione -->  Separazione S/L  --> Fase Liquida --> Vasche vegetate